Banca IMI rilancia sui Bonus Cap

Michela Mercante ITF News

martedì 5 dicembre 2017

Banca IMI ha quotato sul mercato SeDex di Borsa italiana otto nuovi Bonus Cap Certificate a partire dal 5 dicembre 2017 (vedi tabella sotto), con sottostanti alcune delle maggiori azioni italiane, oltre alle americane Twitter, Tesla e Netflix.

Si tratta di Certificati d’Investimento a Capitale Condizionatamente Protetto che corrispondono agli investitori un premio a scadenza qualora il sottostante, sempre alla scadenza, abbia un valore maggiore o uguale al Livello Barriera.

In particolare, tutti i certificati Bonus Cap appena emessi hanno le seguenti caratteristiche: prezzo di emissione pari a 100 Euro, durata di 12 mesi e barriera osservata unicamente alla data di rilevazione finale, ovvero il 29 novembre 2018 (Barriera Europea).

A titolo di esempio, si consideri il Bonus Cap su FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES (ISIN: IT0005316333). Il certificato pagherà l’importo bonus a scadenza di Euro 109,60 (+9,60%) se nel giorno di valutazione il prezzo del sottostante dovesse essere pari o superiore al Livello Barriera pari a Euro 10,5975 (ovvero se l’azione di FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES non perderà più del 25% rispetto al Valore Iniziale).

Al contrario, se il valore del sottostante dovesse essere minore del livello barriera (pari al 75% del Valore iniziale del sottostante) l’investitore subirà una perdita commisurata a quella che avrebbe ottenuto investendo direttamente nell’azione sottostante.



I nuovi certificati offrono dunque agli investitori la possibilità di ottenere dei rendimenti in situazioni di stabilità, rialzo o limitato ribasso dell’attività finanziaria sottostante con un orizzonte temporale di breve periodo.

Un elenco completo dei Bonus Cap Certificate Banca IMI è disponibile sul sito dell’emittente: www.bancaimi.prodottiequotazioni.com 
 


Tag: AZIONI, BANCHE, CERTIFICATI, INVESTMENT

Titoli: FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES, LEONARDO, NETFLIX, STMICROELECTRONICS, TESLA, TWITTER, INC., UBI BANCA, UNICREDIT

 
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla newsletter
di ITForum »