In Spagna il Toro corre più veloce

Davide Dalmasso ALFA Consulenza Finanziaria

martedì 23 maggio 2017

Le scelte di asset allocation globale di questo inizio anno hanno premiato i mercati azionari del Vecchio Continente. La crescita del PIL in Europa non è certo vertiginosa ma è stabile; a contribuire alla decisione degli investitori ci hanno pensato anche le valutazioni proibitive raggiunte dalle aziende americane e la sconfitta dei “populisti” nelle elezioni olandesi e francesi.


La normalizzazione del quadro macroeconomico e in particolare il ritorno di una modesta inflazione nell’Eurozona ha indotto la BCE a rivedere il proprio atteggiamento di politica monetaria. L’istituto infatti ha dichiarato che, per il momento, non prevede di espandere ulteriormente il proprio bilancio oltre la fine dell’anno. Questa decisione ha penalizzato gli asset obbligazionari segnando un ulteriore goal a vantaggio dei mercati azionari.
I progressi registrati dal primo gennaio ad oggi superano i dieci punti percentuali con una tendenza delle small cap e dei settori ciclici a sovraperformare le large cap e i settori più difensivi.


Tra i paesi che hanno approfittato maggiormente di questo clima fortemente rialzista vi è la Spagna: sia per fattori economici (la crescita fatta registrare nel 2016 è quasi doppia rispetto alla media europea) che per fattori tecnici; si aggiunga che la composizione dell’indice spagnolo è sbilanciato a favore del settore finanziario, ha messo a segno un rialzo che sfiora il 20%.


Se l’Ibex 35 continuerà con questo slancio il traguardo dei 12.000 punti potrebbe essere molto vicino. D’altro canto questo livello storicamente (in particolar modo nel 2009 e nel 2015) ha rivestito un ruolo resistenziale particolarmente significativo. Per questo motivo in corrispondenza di questo obiettivo potremmo assistere a un rallentamento, favorito dalle allettanti prese di beneficio.


IBEX 35

Fonte dati: FIDA


L’esposizione al mercato azionario spagnolo può essere efficacemente assunta attraverso l’ETF Amundi Msci Spain (FR0010655746) quotato su Borsa Italiana. Questo strumento replica l’andamento dell’indice Msci Spain Net Total Return composto da 25 costituenti e attribuisce un peso di oltre il 40% al settore Financials.


Amundi Msci Spain

Fonte dati: FIDA


Questo strumento ha già raggiunto la soglia resistenziale posta in area 215-220, testata per due volte nel corso del 2015. Per questo motivo, le strategie di acquisto più interessanti in questo momento sono rappresentate da un ingresso sulla forza, se il prodotto riuscisse a superare in modo significativo i 220 euro, oppure un acquisto sulla debolezza, se le prese di beneficio dovessero riportare i prezzi in corrispondenza dell’area supportiva a 180 euro.


Ricordiamo che anche in questo caso, come con qualsiasi altro investimento, prima di procedere all’acquisto del prodotto occorre valutare l’adeguatezza e la coerenza dello stesso rispetto al profilo di rischio dell’investitore e al suo orizzonte temporale.




 


Tag: BULL OR BEAR, ECONOMIA, INVESTMENT, SPAGNA, SUPPORTI E RESISTENZE

 
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla newsletter
di ITForum »