“La formazione è il nostro mestiere”

Sara Mortarini

giovedì 18 febbraio 2016

E’ tutto votato all’educazione finanziaria il nuovo roadshow di Binck Bank, che ha preso il via giovedì 11 febbraio a Roma e si concluderà il 16 giugno a Bologna, dopo aver toccato Torino (il 17 marzo), Firenze (il 14 aprile) e Napoli (il 12 maggio). Del resto, in una situazione complessa come quella che stanno vivendo i mercati, solo un investitore informato può compiere scelte responsabili. Oltre al roadshow, la società di trading, che è parte del gruppo olandese Binck Bank N.V. – sta lavorando a nuovi accordi distributivi per consentire ai clienti l’acquisto online dei fondi disponibili in Italia e guarda con attenzione allo sviluppo della consulenza finanziaria indipendente, come spiega Roberta Pazzini, responsabile marketing di Binck Italia.


Come mai avete deciso di organizzare un ciclo di incontri basati sull’educazione finanziaria?

Il compito di Binck è fornire agli investitori tutti gli strumenti necessari per accedere direttamente e con facilità ai mercati finanziari. Ci rivolgiamo, in particolare, a coloro che stanno muovendo i primi passi nel trading online. Spesso è proprio la mancanza di educazione finanziaria che trattiene il risparmiatore dal mettersi in gioco in prima persona. E noi vogliamo aiutarlo ad essere più consapevole e responsabile nelle sue scelte di investimento. Dopo tutto i risparmi delle famiglie sono frutto, nella maggior parte dei casi, di una vita di lavoro. La questione, insomma, è troppo delicata per essere totalmente “delegata”.


Quali i temi più importanti che intendete trattare?

Partiremo dalle basi e spiegheremo come funzionano i mercati azionari e obbligazionari. Ci soffermeremo poi sull’analisi tecnica, una metodologia di tipo essenzialmente grafico immediatamente applicabile da tutti, anche in assenza di approfondite conoscenze di carattere economico o statistico. Ci preme, infatti, fornire ai partecipanti indicazioni utili per l’attività di compravendita quotidiana allo scopo di cogliere le opportunità generate da movimenti di mercato di breve periodo. Non mancheremo, infine, di ricordare le regole da seguire per una gestione efficiente del patrimonio, ovvero le tecniche di "money management" per la massimizzazione dei profitti e la riduzione potenziale delle perdite. 


Cosa deve sapere un investitore per avvicinarsi al mondo del trading?

Per evitare di scottarsi alla prima esperienza, è necessario anzitutto capire i meccanismi della Borsa e imparare le tecniche di trading. Una singola operazione in guadagno non fa di un investitore novello un trader esperto. Né è garanzia di guadagni successivi. Meglio tenersi alla larga da quelle pubblicità che promettono guadagni altissimi con strumenti finanziari complessi ed esotici. Per limitare il rischio complessivo del portafoglio la parola d’ordine è diversificare gli investimenti. È preferibile, inoltre, adottare una piattaforma semplice e intuitiva all’inizio, per poi passare a strumenti più evoluti una volta maturata sufficiente esperienza. E, non ultimo, scegliere un intermediario in grado di fornire servizi di assistenza e supporto professionale.


State riscontrando reazioni da “panico” in questo periodo così difficile per i mercati? Qual è il sentiment dei trader in questa fase?

Binck Bank conduce da anni una ricerca mensile a livello europeo in tutte le sedi in cui è attiva (Italia, Olanda, Francia e Belgio). La ricerca, chiamata il Barometro del Trading, ha l'obiettivo di misurare il livello di fiducia dei nostri investitori rispetto ai mercati finanziari. L’ultimo rilevamento, condotto a inizio febbraio, è la cartina di tornasole di una situazione di grave incertezza sui mercati con una riduzione dell’indice di fiducia del 50% (rispetto a ottobre). Non ci potevamo aspettare una reazione differente considerato il crollo generale delle Borse europee e, in particolare, quello del Ftse Mib calato del 25% da inizio anno.


Quali sono gli errori tipici in cui incappa l’investitore e quali i rischi che corre?

In primis gli errori causati dall’istinto che porta l’investitore a ragionare di “pancia” più che di testa, facendosi trascinare dall’emotività. Guadagnare in borsa è in gran parte una questione di probabilità e le probabilità si possono cogliere con lo studio e strategie. Chi si affaccia per la prima volta al mercato ha spesso fretta di guadagnare mentre è bene ricordare che serve pazienza in questo settore. Il fattore psicologico è fondamentale. Per guadagnare nel trading serve autocontrollo, calma e decisione. Una metodologia ben pianificata e seguita con costanza e disciplina fanno il resto.


Su che livelli si attestano le commissioni richieste da Binck?

In realtà abbiamo scelto di non competere sulla leva del prezzo ma su altri fattori distintivi. Non crediamo che oggi gli investitori italiani scelgano l’intermediario al quale affidarsi sulla base della commissione applicata agli eseguiti che è già di per sé mediamente contenuta. A differenza di altri operatori, Binck si impegna a seguire tutte le IPO per poter rendere negoziabili in tempi brevissimi le corporate actions. Teniamo costantemente aggiornata l’offerta con l’inserimento di nuovi mercati e nuovi prodotti (es. opzioni quotate in Olanda e negli USA, i futures su Eurex ecc…) per poter offrire ai nostri clienti nuove proposte di investimento. Adottiamo un approccio multicanale che sfrutta le nuove tecnologie per garantire un livello di assistenza al di sopra della media. Questi sono i servizi in cui ci contraddistinguiamo e per i quali molti clienti ci scelgono.


Nuove proposte/progetti in cantiere? Cosa può anticiparci?

A breve offriremo ai nostri clienti la possibilità di acquistare online i fondi disponibili in Italia, tramite accordi con le varie case di distribuzione. Quest’anno continueremo a lavorare sul fronte della diffusione della cultura finanziaria facendo crescere Binck TV, il canale in diretta streaming dedicato all'approfondimento sui mercati obbligazionari e tutto quello che appassiona l'investitore in bond. Infine, osserviamo con attenzione gli sviluppi nel mondo della consulenza indipendente. Il valore dell’indipendenza ha chiaramente una portata di ampia positività per i risparmiatori italiani.





 

Tag: ANALISI TECNICA, BORSA, ECONOMIA, INVESTMENT, TRADING

Titoli: BinckBank NV, FTSE MIB

 
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla newsletter
di ITForum »