Pile scariche per Saipem

Francesco Cerulo VisionForex.info

venerdì 26 gennaio 2018


Le quotazioni del titolo Saipem si sono avvicinate nelle ultime sedute di contrattazione ad un livello statico importante.

Come è possibile notare dal grafico, area di prezzo 4.20€ può essere considerato un riferimento importante, che in questo momento assume il ruolo di resistenza statica.

Ad alimentare questa tesi, c’è da notare come nelle ultime due settimane ci sia stato un doppio tentativo, fallito, di superamento della resistenza: un elemento che va a sottolineare la propensione degli operatori di mercato a prendere profitto.

 

La configurazione al momento è sbilanciata verso una continuazione ribassista di breve termine con target possibili in area 4.00€ prima e 3.90€ poi.

La visione short sarebbe annullata soltanto con un close daily superiore ai 4.20€, il quale potrebbe alimentare acquisti con obiettivi in area 4.40€.


 

Nelle ultime settimane l’andamento di Exor è stato molto brillante: merito di tutto l’asset del mondo FCA.

 

È bene notare come nelle ultime 3 sedute si sia venuto a formare in area 63.60-63.70€ un doppio massimo e  una successiva chiusura daily inferiore: è possibile interpretare questo comportamento dei prezzi, come segni di “stanchezza” e di scarico di compratori a mercato.

 

Attenzione quindi ad eventuali movimenti ribassisti, con conferme nelle chiusure giornaliere, al di sotto di area 62€, che potrebbero far scattare segnali di vendita di breve termine con obiettivo individuabile in area 60€ prima e 59.10€ poi.

Un movimento di questo di tipo, andrebbe a configurare una correzione di mercato salutare a valle del rialzo importante avvenuto precedentemente.

 

Al momento è lontana la possibilità di vedere un’inversione di trend, il quale potrebbe avvenire con un ritorno dei prezzi al di sotto di quota 56.50€.




Francesco Cerulo

F.C.@Team Visionforex








 


Tag: ANALISI TECNICA, BORSA, ECONOMIA, SUPPORTI E RESISTENZE, TRADING

Titoli: EXOR, F, FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES, SAIPEM

 
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla newsletter
di ITForum »