Questo strano bull market

Gaetano Evangelista Ad Age italia

giovedì 13 aprile 2017

E’ abbastanza strano dover rilevare la prevalente apatia, da parte degli investitori, a fronte di un bull market in essere negli Stati Uniti da più di otto anni, con gli indici tuttora a ridosso dei massimi storici. Diversi sondaggi sull’umore degli operatori segnala un eccesso di ribassisti, inoltre vi sono anche indici di sentiment assai raffinati che propongono un’analoga rappresentazione.

Fra analisti, ad esempio, negli ultimi giorni si discute la posizione depressa assunta dal Fear&Greed Index, calcolato dalla CNN e che – basato su una combinazione di differenti fattori – si attesta oggi a 31 punti, in una scala compresa fra 0 e 100.





Ma torniamo ai sondaggi. La American Association of Individual Investors (AAII) si prende carico di interpellare ogni settimana le famiglie americane, chiedendo loro l’aspettativa per le quotazioni di borsa per le settimane successive. Manco a dirlo, gli Orsi hanno prevalso numericamente in ben quattro delle ultime cinque settimane; ciò detto qui si vuole proporre una prospettiva più distaccata, di lungo periodo.

Prendendo in considerazione soltanto la percentuale di Tori e calcolando la media delle ultime 52 settimane (un anno) otteniamo un dato di poco superiore al 32%: curiosamente, piuttosto simile al Fear&Greed Index.

Dunque, nell’ultimo anno, in media, i rialzisti sono stati pari a non più del 32% degli investitori interpellati, segno che: o il mercato in questo arco di tempo non è salito (casomai il contrario) oppure gli investitori hanno visto un altro film.

Ancora più interessante è tracciare questo indicatore in prospettiva storica. Perché in questo caso ci accorgeremmo che in occasione dei minimi di borsa del 2003 e del 2009, l’esiguità di rialzisti fu addirittura meno accentuata di quella corrente.
Altro che massimo! Sotto la prospettiva del sentiment saremmo in presenza di un minimo di mercato. Una conclusione paradossale, basata certo su un numero irrilevante di rilevazioni ma che induce a riflettere.

Specie se si considera che l’ultima volta che i Tori sono stati così esigui, sempre in termini di media annuale, risale a febbraio 1991: Wall Street sarebbe salita per ulteriori nove anni, prima di fermarsi. Incredibile…



Puoi incontrare Gaetano Evangelista a ITForum Rimini, 18 e 19 maggio,

CLICCA QUI per scoprire di cosa parlerà nei suoi appuntamenti didattici e ISCRIVITI!











 


Tag: ANALISYS, ANALISI TECNICA, BORSA, BULL OR BEAR, INDICI, INDICI ESTERI, INDICI ITALIANI, ITFORUM, SENTIMENT, TRADING

 
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla newsletter
di ITForum »