Stoxx600, i settori che brillano

Giovanni Cuniberti Gamma Capital Markets

martedì 6 giugno 2017

In un contesto macroeconomico positivo è certamente decisivo, ai fini della performance, analizzare l’andamento dei settori per valutare quelli maggiormente comprati e quelli più in difficoltà, per verificare la rotazione che può portare a un cambio di scenario.

I settori dello Stoxx600 rappresentano un tassello fondamentale nelle scelte di Asset Allocation azionarie, sia “direttamente”, attraverso l’uso dei 18 Etf settoriali quotati da Lyxor e Deutsche Bank, sia “indirettamente” perché ci aiutano a selezionare i singoli titoli da inserire nel portafoglio.

Iniziamo con l’analisi dell’indice Stoxx600 (grafico sotto), che viene da 28 settimane positive di Candele Heikin Ashi con una sola pausa a metà aprile, ma senza nessun tipo di setup di inversione. Un vero record, perché dobbiamo tornare al 2006 per trovare qualcosa di simile. Nulla, al momento, sembra scalfire il trend, ma il rallentamento delle ultime 3 settimane ci pone di fronte ad un atteggiamento attendista soprattutto per chi volesse incrementare l’esposizione azionaria.

GRAFICO STOXX600




Il “Modello52” che riportiamo qui sotto, si basa su alcuni algoritmi pubblici e altri proprietari che hanno un fattore comune: le 52 settimane lavorative.
In un contesto di portafoglio è fondamentale cogliere i macro-trend senza farsi spaventare dai “ripiegamenti” dei mercati se questi non forniscono setup inversi. Il “modello 52” sui singoli settori unisce: candele settimanali Heikin Ashi, forza relativa rispetto all’indice Stoxx600, la media della forza relativa a 52 settimane e due algoritmi proprietari (Gamma Algos e Gamma Trend), sempre analizzati sullo stesso arco temporale.
La tabella sottostante propone alcuni parametri per stimare una classifica dei settori positivi, neutrali e negativi. Le funzioni posso essere molte:
1) Sovrappesare i settori positivi all’interno di un portafoglio azionario
2) Cercare nei settori positivi singole azioni promettenti
3) Vedere se, e come, vi sia un miglioramento o peggioramento dello scenario settoriale.





Nelle ultime settimane i settori neutrali sono saliti a 9 mentre quelli positivi sono scesi a 8, sintomo di un normale rallentamento del rally in atto nel 2017. Solo il settore Oil ha una view negativa. Fra i più promettenti il food&beverage, settore difensivo per eccellenza.


Cuniberti Giovanni
Professore a contratto Facoltà di Economia Torino
Head of Research & Senior Portfolio Manager presso Gamma Capital Markets Ltd
 






 

Tag: ASSET, BULL OR BEAR, ECONOMIA, INVESTMENT, PORTAFOGLIO, TRADING, TREND

 
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla newsletter
di ITForum »