Stoxx600 prova il rimbalzo

Giovanni Cuniberti Gamma Capital Markets Ltd

mercoledì 6 settembre 2017


L’indice Stoxx600 (che comprende 600 titoli della zona euro, compreso UK e Svizzera) si è appoggiato in modo millimetrico sulla media mobile a 250 periodi senza mai chiudere al di sotto dell’area 368.

 

Da questo importante livello di accumulazione è poi partito un rimbalzo tecnico che ha riportato i prezzi verso la resistenza in area 378.
 

Questi due livelli rappresentano le chiavi di svolta per il futuro con i principali algoritmi da noi analizzati che rimangono in campo neutro-positivo. Lo scenario dal punto di vista macroeconomico non presenta crepe ma dal punto di vista tecnico l’allerta rimane alta.

 

 

Analizzando i singoli settori la situazione rimane stabile con ben 5 comparti positivi, 5 negativi e 8 neutrali. Solo l’assicurativo passa dal campo positivo a quello neutrale dopo una fase di debolezza priva comunque di grossi scambi sui titoli sottostanti.
 

Molto toniche le Risorse di Base che superano brillantemente la resistenza a 425 punti mentre i Retail continuano a sprofondare. La sensazione è che la ripresa dell’inflazione e il famoso target del 2% passi più dalle industrie e dalle materie prime che non dai consumi dei privati.
 

Questa situazione non è spesso confermata dai dati ma lo stand-by tecnico su alcuni settori ciclici è motivato dai dubbi geopolitici, da appuntamenti importanti come la Bce e da un timore a ruotare il portafogli azionari in quanto la liquidità è difficilmente investibile nel breve in asset a basso rischio senza dover scrivere a registro il segno meno.
 


 

In questo contesto spicca il mercato italiano che, dopo anni di continua debolezza, sembra tornato sotto i riflettori degli istituzionali con il Ftse Mib che da marzo sovraperforma nettamente il Dax. La ricerca di nuovi asset rischiosi a prezzi non impossibili ha generato un afflusso importante sia verso le banche italiane che verso il settore industriale sia Big che Mid cap. I dati sull’economia reale fanno intravedere la luce in fondo al tunnel e potenzialmente la strada da compiere verso le prime resistenze in area 23000 è ancora ampia e ricca.  
 


 

A cura di Cuniberti Giovanni

Professore a contratto Facoltà di Economia Torino

Head of Fee Only & Senior Portfolio Manager presso Gamma Capital Markets Ltd









 


Tag: ANALISI TECNICA, ECONOMIA, SUPPORTI E RESISTENZE, TRADING

Titoli: DAX, FTSE MIB

 
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla newsletter
di ITForum »