Ultimi botti dell’anno

Carlo Aloisio Senior Broker Unicredit

venerdì 22 dicembre 2017


Mercati agli sgoccioli di liquidità con poche operazioni di primario anche per la complessità delle valute di regolamento nei prossimi giorni, incastrati in mezzo alle festività.

 

Sulla parte governativa, la bassa liquidità ha spinto al rialzo i rendimenti sulla scia anche del rialzo dei tassi effettuato dalla Fed nella scorsa settimana. Il Btp decennale è salito in area 1,92% di rendimento ma lo spread contro Bund si è mantenuto in area 148 bp, poiché anche il Bund è salito vicino allo 0,43% di rendimento.

 

Sul fronte delle nostre emissioni governative, si tornerà al ciclo regolare delle aste, con regolamento sull'anno nuovo dopo alcune settimane di attività del Tesoro quasi tutta concentrata su concambi e riacquisti, complice la cancellazione dei collocamenti a medio lungo di metà dicembre.

 

Sul breve il Tesoro ha annunciato che mercoledì 27 verranno offerti 6,5 miliardi di Bot semestrali, su 6,75 in scadenza e fino a 2,5 miliardi di Ctz.  Per l’asta di giovedì 28 dicembre si prevede il lancio di un nuovo benchmark decennale, per un importo fino a 5,5 miliardi, oltre alle riaperture del quinquennale, fino a 3 miliardi, e del Ccteu, fino a 2,5.

 

Per la parte corporate è andato in valuta sul secondario il co co bond tier 1 di Unicredit (XS1739839998) emesso nella scorsa settimana a 100 con cedola del 5.375% e taglio minimo da 200 mila euro. Il prezzo sul grey market si era indebolito sotto il prezzo d’emissione, ma nelle prime sedute di secondario gli scambi sono ripresi con il prezzo che si è portato in area 100,40.

 

La società calcistica Inter F.C. ha collocato con successo un bond senior da 300 milioni di euro (XS1739592142) presso una ristretta cerchia di investitori istituzionali raccogliendo domande pari al doppio dell’offerta. Per l’Inter si tratta di un ritorno sul mercato dei capitali, poiché già nel 2015 era stato emesso un primo bond da 280 milioni, quando la proprietà non era ancora passata ai cinesi della Suning. L’obbligazione è di tipo senior, corrisponde una cedola annua a tasso fisso pari al 4.875% per cinque anni con data di scadenza prevista nel 2022. La cedola sarà semestrale mentre il rimborso sarà integrale a scadenza o in eventuali call a partire dal 2019 con premio per i detentori. Le obbligazioni saranno quotate presso la borsa di Lussemburgo e avranno un taglio minimo di negoziazione pari a 100.000 euro. Il rating del bond è BB- e sono stati inseriti dei collaterali che garantiscono il prestito fino al 45%. Il titolo è piaciuto molto al mercato tanto che dopo pochi giorni di grey market il prezzo è salito dal 100 d’emissione a 102,50.

 

Le obbligazioni Aedes 5% 2019 sono state quotate sul Mot regolamentato di Borsa Italiana. La società immobiliare ha collocato una nuova obbligazione (isin IT0005317174) riservata a investitori professionali per 30 milioni di euro. Il bond corrisponde una cedola a tasso fisso pari al 5% annuo su base semestrale, con data di stacco il 20 giugno e il 20 dicembre. Il rimborso avverrà in maniera integrale il 20 dicembre 2019. Il taglio minimo negoziabile è di 50.000 euro.

 

AG2R La Mondiale, società assicurativa francese sponsor anche di una squadra di ciclismo su strada francese, ha collocato una nuova obbligazione in dollari. Si tratta di un bond subordinato dell’ammontare di 400 milioni di dollari con scadenza a 30 anni e cedola fissata a 4.80% con frequenza semestrale. Il titolo (isin XS1736887099) verrà rimborsato in un’unica soluzione alla pari il 21 dicembre 2047 ed è negoziabile per importi minimi di 200k.

Il mercato dei green bond taglia il traguardo record di 130 miliardi di dollari. Bene anche gli emittenti italiani con l’esordio di FS con un’emissione di 600 milioni di euro lo scorso 30 novembre.






 


Tag: ANALISYS, BOND, BORSA, BTP, DOLLARO, FINANZA, INVESTMENT, OBBLIGAZIONI, SPREAD, TASSI, TRADING

Titoli: AEDES, EURO BUND FUT, UNICREDIT

 
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla newsletter
di ITForum »